La rapa da sempre considerata un ortaggio di poco valore, un cibo povero e volgare, da contadini.

Tuttavia, possiede numerose caratteristiche benefiche per la salute e può essere utilizzata in molte ricette, con cotture diverse, come ad esempio al vapore, cottura grazie alla quale mantiene tutte le proprietà nutrizionali.

Si tratta di un ortaggio molto ricco di acqua, fibre, e minerali. In particolareferro, magnesio, zinco, manganese, rame, selenio, sodio, potassio, fosforo, calcio e potassio.

Le rape sono alimenti ricchi anche di vitamine, specialmente di vitamina A, B-carotene e vitamina C.
Sembra che addirittura contenga più vitamina C delle arance.

 Le varietà di rape, più comuni sono:

  • Rossa: con una forma tonda e un colore che va dal rosso acceso al viola.
  • Bianca: la buccia è bianca anche se a volte si presenta con una colorazione violacea nella parte superiore.
  • Cime di rapa: si presentano con un sapore intenso e gustoso, anche se sono leggerissime.

Moltissimi sono i benefici che le rape possono apportare all’organismo:

  • proprietà antiossidanti grazie alla presenza di quercitina, importante nella prevenzione delle malattie cardiovascolari ma anche come anti tumorale;
  • proprietà antinfiammatorie e di rinforzo della mucosa gastrica;
  • utili per contrastare i dolori mestruali;
  • grazie all’elevata presenza di calcio sono ideali per la crescita e per il mantenimento in salute delle ossa;
  • le vitamine e gli antiossidanti che contengono, hanno la funzione di rendere più belli e sani i nostri capelli e la pelle.

Inoltre, come molti suoi parenti della famiglia delle crucifere, la rapa bianca è amica della disintossicazione.
Il contenuto di zolfo e fitonutrienti, quali i glucosinolati, aiutano infatti ad attivare gli enzimi della detossinazione e della pulizia del sangue dalle tossine.

Scopri come integrare correttamente questo ortaggio dalle mille proprietà nella tua alimentazione!
Scegli la competenza, la sicurezza e l’affidabilità del Dott. Giuseppe Pisano per creare un programma alimentare basato sulle tue specifiche esigenze!

 

È un pensiero comune quello che la primavera e l’estate siano le stagioni migliori per fare sport all’aria aperta, mentre in autunno e in inverno sia meglio allenarsi in palestra, se non addirittura in casa.

In realtà, per quanto nella stagione fredda molte giornate vadano perse a causa del cattivo tempo, quando non piove  è più piacevole e stimolante allenarsi all’aperto.

L’abbigliamento adeguato

A causa del clima incerto, che potrebbe farci ritrovare con alcuni giorni caldissimi, altri freddi, a volte piovosi, per allenarsi all’aperto senza farsi cogliere di sorpresa, il consiglio è di vestirsi a strati.

L’abbigliamento perfetto?
Leggings o pantaloni della tuta, t-shirt a mezze maniche e felpa, da togliere se fa caldo.
Nelle giornate più fredde e nuvolose, quando c’è la possibilità che inizi a piovere, aggiungete uno smanicato o portate con voi legato sui fianchi un impermeabile leggero.

Altro aspetto molto importante sono le scarpe, che chiaramente devono essere quelle adatte allo sport praticato, ad esempio al running, ma con suola antiscivolo e impermeabili.

Quali sport scegliere

Ma quali sono gli sport da praticare all’aperto, che meglio si prestano a questa stagione?

– Camminata. Se c’è un’attività fisica adatta a tutte le stagioni quella è sicuramente la camminata. È perfetta soprattutto se in estate non vi siete allenati e dovete riprendere dopo qualche mese di stop, per evitare di cominciare con sport troppo pesanti.

– Corsa. Se siete già allenati, o se avete iniziato a camminare tutti i giorni da un po’, potete andare a correre all’aperto. Con il giusto abbigliamento si può fare tranquillamente, lasciando il tapis roulant alle più gelide e piovose giornate invernali.

– Bicicletta. In estate spesso ci si dedica a lunghe passeggiate in bicicletta, mentre in autunno quest’ultima finisce tristemente abbandonata in garage. Sbagliatissimo: se non piove, basta indossare una giacca antivento per usare la bicicletta anche in autunno e in inverno.

– Yoga. Spesso in autunno splende il sole e le temperature sono piuttosto miti (se non addirittura calde). Approfittatene per fare yoga nel parco, da soli o in compagnia.

 

Vuoi saperne di più? Richiedi una consulenza con il Dott. Giuseppe Pisano!

L’autunno è una stagione intermedia, che serve a prepararsi al grande freddo, con il costante e graduale calo di luce, calore e temperatura e un aumento dell’umidità.
Dal punto di vista delle abitudini alimentari, con l’abbassarsi della temperatura aumenta, invece, il piacere di mangiare cibi caldi.

Un modo sano e gustoso di preparare gli ortaggi di questa stagione sono, infatti, le zuppe, le minestre e le creme calde.
Con questi metodi di cottura, le verdure mantengono i preziosi sali minerali che contengono, apportando quindi per intero tutti i loro benefici.

Anche i cereali come riso, farro, orzo e miglio, si prestano molto bene ad integrare le zuppe e i minestroni, come come i legumi.

Un piatto di cereali e legumi, condito con un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo, è un piatto completo e bilanciato, che apporta gli elementi nutritivi corretti per una sana alimentazione autunnale.

Un’alimentazione che rispetti la stagionalità degli alimenti apporta i benefici elementi di cui l’organismo ha bisogno in modo sano e naturale.

Gli ortaggi tipici autunnali, e quindi da preferire in questa stagione, sono: bietole, broccoli, carote, carciofi, cavoli, cime di rapa, cipolle, fagiolini, finocchi, indivia, patate, porri, radicchio, rapa, sedano, spinaci, zucca e funghi.

La frutta tipica del periodo autunnale aiuta l’organismo a rinforzare le sue difese immunitarie, infatti è ricca di vitamine, in particolare vitamina C. Stiamo parlando di: agrumi, kiwi, kaki, castagne, mele, pere, uva, melograno e frutti di bosco come mirtilli, more e ribes.

Anche la frutta secca e i semi come noci, mandorle, nocciole e pinoli sono estremamente indicati per l’alimentazione del periodo autunnale, poiché sono ricchi di lipidi, proteine e Sali minerali.

Affidarsi ad un nutrizionista per impostare correttamente la tua alimentazione è sempre la scelta migliore, soprattutto nei periodi di cambiamento.
In questi casi, un regime alimentare sano è fondamentale per fornire al corpo tutte le sostanze nutritive necessarie affinché si adatti alla nuova stagione.

Richiedi una consulenza con il Dott. Giuseppe Pisano per formulare una dieta su misura per te!

Dolce, leggera e con pochissime calorie: la zucca è un alimento tra i più apprezzati perché molto versatile in cucina e ricca di proprietà per l’organismo.

Si tratta di un ortaggio autunnale, appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, originario del centro America ma ormai coltivata anche nel nostro paese.

Esistono diverse varietà di zucca, che possono essere facilmente distinte per la forma e il colore della buccia.
Quelle più utilizzate sono:

  • la zucca Moscata, quella classica con la buccia e la polpa arancioni e i semi commestibili dopo la tostatura;
  • la zucca Delica, piccola, di forma arrotondata e leggermente schiacciata, con la buccia verde scuro e la polpa gialla;
  • la zucca Butternut Violina, chiamata così per la sua forma a pera o come la sagoma di un violino, la buccia è arancione chiaro e la polpa ricorda il gusto delle castagne;
  • la zucca Hokkaido, di origini giapponesi, a forma di cipolla e con la buccia spessa e di colore arancio scuro. 

Composta prevalente da acqua e fibre, consumare regolarmente la zucca favorisce la diuresi e la regolarità intestinale. La polpa è ricchissima di vitamine, minerali e antiossidanti che producono numerosi benefici in tutto l’organismo.

In particolar modo, il consumo di zucca aiuta a rifornire l’organismo di antiossidanti naturali, soprattutto sotto forma di vitamina A, un nutriente importante per il mantenimento dell’integrità di pelle e mucose, che nelle sue diverse forme aiuta anche a proteggere la vista.

Questo ortaggio è poi una fonte di vitamina C, alleata delle difese immunitarie e importante per la sintesi di collagene; vitamina E altra molecola dalle proprietà antiossidanti; vitamine del gruppo B, coinvolte in numerosi processi metabolici.

I minerali presenti in quantità maggiori, sono  il potassio, che aiuta a favorire la buona salute cardiovascolare; il calcio, il fosforo e il magnesio, che sono alleati della salute delle ossa; il selenio e il manganese, che sono componenti delle difese antiossidanti dell’organismo.

A rendere la zucca un’alleata nella regolazione dell’apparato cardiocircolatorio, contribuisce anche la presenza di acidi grassi omega-3.
Questi sono contenuti in abbondanza anche nei semi, che una volta tostati possono essere consumati come snack e consentono di fare il pieno di magnesio, zinco e fosforo.

Vuoi inserire correttamente questo ortaggio nella tua dieta?
Per garantire al tuo corpo un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico esperto di nutrizione.
Richiedi una consulenza con il Dott. Giuseppe Pisano!

Arrivano le vacanze estive e, nella maggioranza dei casi, la sana alimentazione passa in secondo piano: aperitivi, pranzi e cene festose in compagnia diventano il tema principale per buona parte dei mesi estivi.

A questo punto, finite le ferie, diventa opportuno recuperare la forma, cambiando l’alimentazione dopo le vacanze e tornando a fare un po’ di attività fisica in più.

Prima di tutto per tornare in forma dopo l’estate è importante drenare e basificare l’organismo: gli eccessi di eventuali aperitivi a base di alcolici e zuccheri vari, rendono l’organismo incline ad intossicarsi e soprattutto ad acidificarsi.
Lieviti e grassi saturi entrano nel nostro organismo, infiammando il nostro tratto digerente, creando scorie che rallentano il metabolismo e fanno aumentare di peso.
L’organo chiave è soprattutto il fegato, catalizzatore di queste tossine e bisognoso quindi di essere ripulito.

È a questo punto che scendono in campo frutta e verdura, ricche di antiossidanti, vitamine e sali minerali, essenziali per depurare l’organismo, permettendo al corpo di smaltire le tossine.
In particolare, le verdure a foglia verde sono molto utili per la pulizia del tratto intestinale.
Entrando più nello specifico infatti, è bene sapere che esistono rimedi naturali come il tarassaco o il cardo mariano, che sono perfetti per detossificare a livello epatico.

Per drenare le scorie e favorire la diuresi, possono tornare utili anche le tisane, come ad esempio quelle al finocchio o al tarassaco.

Anche l’intestino ha un ruolo fondamentale per il buon funzionamento del nostro metabolismo: infatti, una flora batterica alterata da un abuso di alimenti poco sani, zucchero ed alcool non ci permette di assimilare nel modo giusto i nutrienti.

Inoltre, tutti questi fattori portano ad una condizione di intossicazione, che comporta una diminuzione delle difese immunitarie dell’organismo e ad un aumento dello stato di infiammazione generale.

Per tornare in forma dopo l’estate è bene privilegiare l’introduzione di proteine, utili per far ripartire il metabolismo e alleggerire il corpo dal peso in eccesso.
Pasti a base di pesce o di carne bianca magra o uova (alimento dalle notevoli proprietà nutrizionali), accompagnata da un contorno di verdura è sicuramente l’ideale per chi vuole rimettersi in linea e che soprattutto ci tiene a ripristinare una corretta alimentazione.

Se proprio non si riesce a resistere ai carboidrati, un giusto compromesso potrebbero essere quelli integrali o “alternativi” come farro, quinoa, riso basmati, riso rosso o riso venere.

Inoltre, nonostante il ritorno al lavoro è sempre consigliabile ritagliarsi un po’ di tempo per fare esercizio fisico come andare a correre, in bicicletta, giocare a tennis o padel con amici.

Scegliere un Nutrizionista per tutelare la salute del nostro corpo

La scelta migliore rimane quella di rivolgersi ad uno specialista.
Solo in questo modo è possibile formulare un programma alimentare basato sulle esigenze specifiche, personali di ogni paziente, tutelando la salute dell’organismo.

Contatta il Dott. Giuseppe Pisano per conoscere tutti i servizi dedicati a te e per prenotare una consulenza!

Oggi parliamo del frutto tipico di questo periodo, se ne trova in abbondanza ed è consigliato per le sue proprietà: il fico.

La sua assunzione regolarizza la motilità gastrica e normalizza la secrezione dei succhi digestivi, esercitando un’azione antinfiammatoria sulle mucose.
Per questa ragione, spesso viene impiegato nel trattamento di ulcere gastroduodenali, gastriti coliti, nelle distonie neurovegetative e come coadiuvante per i problemi digestivi a carico dello stomaco (difficoltà digestiva da diete iperproteiche, sonnolenza postprandiale e pesantezza epigastrica).

I fichi sono ricchi di calcio, minerale essenziale nella formazione delle ossa, perché aumenta la densità e ne facilita il corretto sviluppo.
Abbondante è anche la presenza di ferro utile per le persone con anemia.
Inoltre i fichi contengono anche altissime concentrazioni di potassio, tracce di vitamina A e sali minerali che li rende dei buoni remineralizzanti.

Grazie all’elevato contenuto di numerose fibre, questi frutti hanno azione lassativa: contengono, tra queste, anche la lignina molto efficace per contrastare disturbi intestinali o stipsi cronica.

È consigliato integrare i fichi nella dieta di bambini, anziani, donne incinte ed atleti in quanto questo frutto è molto calorico e fornisce al nostro organismo tanta energia grazie alla notevole presenza di zuccheri al loro interno.
Per l’elevato rapporto calorico però risulta controindicato per soggetti diabetici e/o obesi.

Scopri come inserirlo correttamente nella tua dieta, prenotando una consulenza con il Dott. Giuseppe Pisano!

Il corretto inquadramento del soggetto rappresenta una delle principali sfide del nutrizionista ed è fondamentale per gestire al meglio e in sicurezza il paziente all’interno del suo percorso di salute.
Per questa ragione, Akern® da sempre si propone come partner fondamentale del nutrizionista offrendo un sistema in grado di fornire un servizio sempre più accurato e personalizzato, volto al costante miglioramento professionale.
La Bioimpedenziometria (comunemente nota come BIA = Bio Impedance Analysis) è un esame molto semplice e non invasivo che viene effettuato con tecnica bioimpedenziometrica per effettuare un’analisi qualitativa e quantitativa della composizione corporea.
Come viene effettuata?

Questa procedura si basa sul principio che le diverse tipologie di tessuto esprimono una conduttività elettrica specifica, tale da renderle riconoscibili.

In particolare l’acqua è un ottimo conduttore di corrente elettrica, le cellule funzionano come dei condensatori che accumulano e sfasano la corrente, a differenza del tessuto adiposo che invece è un cattivo conduttore.

Vengono, quindi, applicati su mano e piede del paziente quattro elettrodi (simili a quelli per fare un elettrocardiogramma) collegati allo strumento via filo.
Viene fatta circolare la corrente a bassissima potenza, che, attraversando le strutture corporee, subirà un calo della sua intensità dovuta all’impedenza associata alle strutture corporee.

Perché è importante?

Un aspetto prioritario, per chi vuole stare in salute, anche se normopeso, per chi vuole recuperare un sano peso forma o migliorare la performance sportiva è quello di conoscere la propria composizione corporea.

Il peso indicato dalla bilancia non ci fornisce informazioni sulla quantità di massa grassa e massa muscolare che abbiamo, né ci indica se siamo ben idratati o se per contro siamo in una condizione di disidratazione o ritenzione idrica; la bioimpedenziometria, invece, ci dà informazioni su tutti questi aspetti.

L’analisi della composizione corporea, completa quindi l’indicazione fornita dalla bilancia e dalle circonferenze corporee.
Attraverso l’interpretazione dei dati forniti dal BIA Test e l’utilizzo di specifici algoritmi è possibile stimare i diversi compartimenti corporei, che possono subire variazioni importanti durante le diverse fasi della vita, durante un percorso di dimagrimento o un programma di allenamento sportivo ma anche durante alcune patologie.

Nutrizione Pisano

Vuoi saperne di più?
Rivolgiti al Dott. Giuseppe Pisano!
Oppure consulta la nostra pagina web dedicata alla Bioimpedenziometria.

Caratterizzate da un sapore leggermente acidulo molto gradevole, le more sono considerate dei veri elisir per la nostra salute.

Le more, infatti, sono ricche di vitamine, minerali, fibre alimentari e antiossidanti.
Nello specifico:

  •  sono ricche di antocianine e flavonoidi, sostanze con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie che svolgono anche una significativa opera antitumorale;
  • contengono numerose vitamine, dalla conosciutissima C, fino alla A e alla B9 (il cosiddetto “acido folico”, molto importante nelle prime fasi della gravidanza);
  • garantiscono un corretto funzionamento dell’intestino, limitano il rischio dell’insorgenza di patologie cardiovascolari e svolgono un’azione depurativa, battericida e anche antitossica nei confronti degli agenti inquinanti;
  • il sapore rinfrescante e il basso contenuto di zuccheri le rendono consumabili anche nell’ambito di un regime alimentare ipocalorico.

I loro effetti benefici, si riflettono quindi sulla salute di tutto il corpo.

  1. Effetti antiossidante. Come abbiamo già detto, le more sono una vera e propria fonte di antiossidanti, ideali per ridurre lo stress, combattere i radicali liberi e per proteggere l’organismo dai danni ossidativi dell’invecchiamento e di eventuali malattie future.
  2. Effetti sul sistema immunitario. Le sostanze benefiche delle more selvatiche aiutano ad aumentare le difese immunitarie del corpo, grazie all’alta concentrazione di minerali e vitamine, rafforzando così gli organi interni.
  3. Effetti depurativi. Le more di rovo hanno effetti diuretici e depurativi sul nostro corpo, ripuliscono i reni e ci aiutano ad eliminare tossine e liquidi in eccesso.
  4. Effetti sulle ossa. Questi piccoli frutti sono molto indicati anche per rafforzare le ossa, grazie alla presenza di calcio e magnesio, quindi ottimi sia per i bambini in fase di crescita, sia per anziani che, con l’età, presentano problemi articolari.
  5. Effetti digestivi. Le more sono ricche di fibre solubili di origine vegetale, perfette per l’apparato digestivo ma anche per chi soffre di problemi di stipsi.

Nonostante il lunghissimo elenco di qualità, le more possono tuttavia creare irritazione all’apparato digerente, quindi è meglio non esagerare.
Scopri come inserirle correttamente nella tua alimentazione richiedendo una consulenza con il Dott. Giuseppe Pisano!

Ricca di proteine, povera di colesterolo, utile alleata nella prevenzione di tumori e malattie cardiovascolari, la soia è un alimento molto sottovalutato, ma ricco di benefici.

I semi di soia sono naturalmente ricchi di proteine ​​e contengono tutti gli amminoacidi essenziali di cui il corpo ha bisogno.
Sono anche ricchi di grassi vegetali, fibre e diverse importanti vitamine, minerali e composti vegetali benefici.
I semi di soia sono anche una fonte naturale di polifenoli, un tipo di antiossidante che può aiutare a proteggere il corpo dai danni cellulari e da condizioni come le malattie cardiache.

Non solo, la soia contiene anche degli ormoni, gli isoflavoni, che possiedono una struttura simile a quella degli estrogeni.
Si tratta di sostanze che, agendo come gli estrogeni, si rivelano utili nella prevenzione del cancro al seno, all’utero, alla prostata e al colon.

Diversi studi suggeriscono che le diete ricche di cibi a base di soia possono aiutare a ridurre il colesterolo LDL (cattivo) e aumentare il colesterolo HDL (buono).

Le diete ricche di legumi, compresa la soia, possono contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiache aiutando a ridurre l’infiammazione nei vasi sanguigni, migliorando la loro elasticità.

Il modo più comune di consumare questo legume è sotto forma di fagioli o di germogli.
I primi possono essere consumati in zuppe, mentre i secondi trovano la loro massima espressione in fresche insalate.

Data l’elevata quantità di proteine contenute in essa, è un’ottima sostituta della carne.
Inoltre, può essere impiegata come contorno o come alternativa ai ceci.

Molto utilizzati sono anche i prodotti derivanti: latte, farina, yogurt e tofu.

Contatta il Dott. Giuseppe Pisano per scoprire come integrare questo alimento nella tua alimentazione, in maniera corretta!

 

 

 

Spesso chi decide di seguire una dieta lo fa in preda alla convinzione sbagliata di dover soffrire la fame o mangiare solo cose che non gli piacciono, quindi si rassegna a viverla come una parentesi di privazioni e tristezza.

In realtà la dieta deve “educare” alla sana alimentazione e far capire che per ottenere buoni risultati non serve mangiare poco, bensì mangiare bene.

Soprattutto in estate, si tende a non mangiare a sufficienza, a livello quantitativo o qualitativo, prediligendo pasti più veloci ma completamente sbilanciati dal punto di vista nutrizionale.

Quando il nostro apporto nutritivo è sbagliato, il nostro corpo ci fornisce dei segnali che possono farcelo capire.

Una dieta equilibrata assicura al tuo organismo tutti i nutrienti e le vitamine che ti servono.
Quindi, avere sempre fame è uno dei segni più evidenti che non si sta mangiando abbastanza cibo.

Gli studi confermano che l’appetito e il desiderio di cibo aumentano in risposta alla drastica restrizione calorica.
La restrizione calorica può causare fame e desiderio di cibo sia nei soggetti normopeso che in sovrappeso.

Mentre l’eccesso di cibo può causare difficoltà a dormire, pare acclarato che anche una dieta rigorosa possa portare a problemi di sonno.
E’ stato dimostrato come la restrizione calorica drastica causi frequentemente interruzioni del sonno e una riduzione del sonno a onde lente, noto anche come sonno profondo.

È risaputo che la stitichezza può essere un segnale di cattiva alimentazione. Consumare poche calorie con i cibi, nonostante l’assunzione corretta di acqua e fibre, oltre alla giusta percentuali di grassi – i fattori più importanti per una corretta funzione intestinale – non stimola la corretta evacuazione giornaliera.

Anche l’irritabilità può essere un segnale di una dieta poco equilibrata ed insufficiente.
Malumore e altri sintomi legati a manifestazioni ansiose, possono essere collegate ad un mancato equilibrio nel fabbisogno calorico.

Affidarsi ad un professionista del settore per elaborare un programma alimentare è fondamentale per proteggere la nostra salute.

Il metodo di dimagrimento del Dr. Giuseppe Pisano si basa su un concetto molto semplice che può essere riassunto in dei punti di forza così schematizzati:

  • Ognuno è un individuo unico, complesso e irripetibile, per cui la dieta deve essere come un abito sartoriale cucito addosso a doc;
  • Il programma alimentare personalizzato si baserà unicamente sulla conoscenza di alcuni parametri individuali come metabolismo, profilo organico ed ormonale;
  • Non ci sarà nessun programma o software che personalizzerà la dieta per te, solo la conoscenza medica e la professionalità, serviranno per la progettazione e la stesura della tua stessa dieta;
  • Gli incontri periodici per le successive visite di controllo serviranno soprattutto per monitorare il livello raggiunto, saranno momenti fra te e il nutrizionista insostituibili per affinare le conoscenze sulle tue abitudini alimentari e stile di vita;
  • Potrai osservare in prima persona se i risultati ottenuti sono soddisfacenti o deludenti;
  • Continui cambi dieta serviranno per non far abituare mai il tuo metabolismo al medesimo piano alimentare;
  • Esami clinici convenzionati (come prelievi di sangue domiciliari, ecografie, esami metabolici vari) verranno messi a disposizione dei pazienti per offrire il miglior servizio possibile, al fine di ottenere i migliori risultati sperati!
  • Le diete saranno sempre mirate e specifiche, esse si baseranno non solo sulle tue esigenze personali ma guarderanno soprattutto il benessere psicofisico del paziente;
  • Programmi di allenamento sportivo mirati e adatti al tuo fisico potranno essere consigliati, da personal trainer qualificati, per il raggiungimento del tuo obbiettivo desiderato.

Contattaci per conoscere maggiori informazioni o per prenotare un appuntamento.