reflusso

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo legato alla risalita del contenuto gastrico nell’esofago che, non avendo le debite protezioni verso un pH tanto acido, nel lungo termine può danneggiarsi determinando una sintomatologia caratterizzata da: pirosi retrosternale, rigurgito e dolore epigastrico. Ciò che determina questo disturbo è l’alterazione dell’equilibrio tra gli agenti aggressivi, ovvero il contenuto gastrico acido e quelli preventivo-difensivi dell’esofago.
L’alimentazione diventa quindi di fondamentale importanza per evitare o ridurre questo disturbo: sono consigliati alimenti magri e ricchi di proteine come carne bianca, uova e pesce perché più facili da digerire, cereali integrali a basso contenuto di grassi che assorbono i succhi gastrici dello stomaco, verdura fresca e frutta a basso contenuto di acido citrico come meloni, pere, mele, banane e frutti di bosco in quanto mantengono accettabile il tasso di acidità dello stomaco. Sono da evitare invece alimenti ricchi di grassi, cioccolato, menta, bevande gassate o a base di caffeina, pomodori crudi e spezie come pepe, peperoncino e noce moscata.
Oltre all’alimentazione, per combattere questo disturbo è consigliato bere molta acqua e condurre uno stile di vita sano. Tenere sotto controllo il peso è quanto viene richiesto ai pazienti, ancor prima di iniziare la terapia, ed è quindi opportuno svolgere attività fisica a bassa intensità.
Prenota una consulenza con il dott. Giuseppe Pisano e crea un programma alimentare specifico per le tue esigenze!