Nonostante la quantità di zuccheri che apporta e l’indice glicemico elevato, l’uva possiede molte proprietà benefiche. Innanzitutto ha potere depurativo e detossificante, grazie alla presenza degli antiossidanti, utili anche per contrastare l’invecchiamento cellulare. L’azione depurativa dell’uva è molto maggiore rispetto a quella di altri frutti e risulta particolarmente efficace nei confronti del fegato. Tra i benefici dell’uva, infatti, c’è quello di aumentare la solubilità delle tossine, che tendono appunto ad accumularsi nelle cellule epatiche. Gli effetti depurativi che l’uva esercita sul fegato sono esplicati anche a livello dei reni e dell’intestino.

La polpa dell’uva è ricca di vitamine e minerali, mentre nella buccia della varietà nera si concentrano numerosi polifenoli antiossidanti e antinfiammatori.

L’uva previene l’osteoporosi perché ricca di sali minerali utili per l’assorbimento di calcio nelle ossa ed è consigliata anche a chi soffre di anemia, gotta, artrosi e dolori reumatici.

Contiene poche proteine e pochissimi grassi, però è un frutto molto ricco di zuccheri, glucosio e fruttosio per cui ha un alto valore calorico che aumenta in caso dell’uva sultanina.

Ha un alto contenuto di acqua che aiuta a mantenere il corpo idratato.
La melatonina contenuta aiuta a regolare i ritmi circadiani perciò è utile nei periodi di stress o dopo le vacanze.

Il componente dell’uva molto importante per la salute è il resveratrolo, contenuto nella buccia e semi dell’uva. Ha un’azione antinfiammatoria, antibatterica, antifungina, diuretica, antiossidante, riduce il colesterolo, fluidifica il sangue, combatte gli effetti dannosi dei radicali liberi, depura il fegato.

Uva nera e bianca: quali le differenze?

Non esistono grandi differenze fra uve bianche e uve nere: c’è solo una maggiore ricchezza in termini di ferro e flavonoidi nelle uve nere, che quindi si raccomandano per migliorare la circolazione del sangue e per fortificare i vasi sanguigni. Il colore violaceo dell’uva nera ci indica che contiene una grande quantità di antiossidanti. Contiene quantità molto alte di fibra e agisce come lassativo, soprattutto se ne consumiamo anche la buccia e i semi.

L’uva nera produce acido folico ed è consigliata alle donne nei primi mesi di gravidanza. L’uva bianca è povera di grassi e contiene molto ferro e potassio, il che aiuta la ricostruzione di molti tessuti del nostro organismo, migliorando il funzionamento del cuore e stimolando allo stesso tempo la produzione dei globuli rossi che aiutano a far circolare l’ossigeno nel corpo.

 

Vuoi saperne di più?
Contatta Nutrizione Pisano e scopri come inserirla nella tua dieta!